Iscriviti alla newsletter e ottieni un codice sconto del 10% per effettuare il tuo primo acquisto sul nostro e-commerce.
agricoltura e apicoltura

Agricoltura e apicoltura: un legame che fa bene alle api (e non solo)

Agricoltura e apicoltura sono due facce della stessa medaglia. Oggi più che mai è importante che agricoltori e apicoltori siano sempre più uniti per la salvaguardia delle api e dell’intero ecosistema. Come? Attraverso molte buone pratiche agricole e non solo!

Agricoltura e apicoltura sono due settori che, se ben integrati tra di loro, possono fare molto per il bene dell’intero ecosistema. Oggi, l’intera filiera agricola è sempre più attenta e sensibile alla presenza di api ed alveari.
Le api svolgono un ruolo fondamentale nell’impollinazione delle colture agricole, un servizio ecologico di vitale importanza per la produzione di cibo
Gli agricoltori per ottenere una migliore produzione ricorrono sempre di più alla presenza degli alveari. Non bisogna dimenticare che quella tra l’agricoltura e l’apicoltura è una relazione simbiotica: gli apicoltori sono spesso gli stessi agricoltori. 
Un legame che se gestito in modo sostenibile, può portare a risultati davvero positivi per tutti e, naturalmente, per l’ambiente.

Il ruolo cruciale delle api nell’agricoltura

Le api sono tra gli insetti impollinatori più importanti e la loro stessa esistenza rappresenta un elemento chiave nella produzione alimentare. Si stima che oltre il 75% delle colture coltivate per l’alimentazione umana dipendono dall’impollinazione animale, e in primis proprio dalle api.
Frutta, verdura, semi, noci e molte altre colture dipendono dalla loro impollinazione per avere una buona e migliore produzione. Senza l’aiuto delle api, molte di queste colture non ci sarebbero.
Questo significa che una larga varietà di cibo a cui noi esseri umani siamo abituati non esisterebbe più! 
Il venire meno della varietà di cibo e delle stesse colture è un danno enorme per la sussistenza dell’uomo e dell’intera agricoltura.

Come l’agricoltura incide sulle api

Non bisogna mai dimenticare che le pratiche agricole intensive, l’uso eccessivo e costante di pesticidi e la perdita di habitat naturale sono minacce significative per le api.
I pesticidi, in particolare quelli a base di neonicotinoidi sono molto dannosi per le api. I neonicotinoidi che attaccano il sistema nervoso degli insetti per eliminarli, sono diventati a partire dagli anni novanta insetticidi tra i più utilizzati al mondo. Recentemente molti studi scientifici hanno dimostrato il danno che provocano agli impollinatori. Anche in piccolissime quantità, infatti, le api, una volta assorbito il loro effetto nocivo, perdono il senso dell’orientamento e non trovano più il loro alveare.
E in modo ancora più grave, riducono la loro resistenza a malattie e parassiti. Allo stesso tempo, la distruzione degli habitat naturali che i pesticidi provocano, inclusi i prati fioriti e gli alberi in fiore, limita le risorse di cibo e nidificazione per le api.
Nel gennaio 2020, la Commissione Europea, dopo la proposta e la messa al bando del 22 ottobre 2019, ha deciso di non rinnovare la licenza per la commercializzazione in Europa, in particolare, dell’insetticida thiacloprid tra i più diffusi. Ma, nonostante l’uso sia stato limitato, ancora oggi, questi insetticidi vengono utilizzati in agricoltura quando c’è una emergenza (uno dei casi più noti è quello legato alle barbabietole da zucchero). 
Di fatto rappresentano un peso enorme per la salvaguardia delle api e degli alveari.

Agricoltura e apicoltura: le buone pratiche per la conservazione delle api

Per preservare e sostenere la popolazione di api, sono necessarie buone pratiche agricole e interventi mirati come l’eliminazione di pesticidi dannosi per le api e l’uso di alternative naturali o non nocive. Inoltre, è altrettanto importante applicare i pesticidi durante le ore in cui le api sono meno attive. Oltre questo è possibile fare altre azioni fondamentali:

  • Aree di Fioritura: Creare e proteggere zone di fioritura, come prati fioriti e filari di fiori in tutte le stagioni in modo da fornire alle api fonti continue di cibo e favorire la loro salute con una dieta molto più equilibrata.
  • Diversificazione delle colture: la diversità delle colture agricole significa un maggiore accesso alle risorse alimentari per le api durante tutto l’anno.
  • Pratiche agricole sostenibili: Implementare tecniche agricole in grado di ridurre l’erosione del suolo e l’inquinamento idrico, come l’agricoltura biologica, l’agroforestazione o appunto, la rotazione delle colture.
  • Conservazione degli habitat: Preservare e proteggere gli habitat naturali come bordi dei campi, aree boschive e spazi aperti. Mantenere o ripristinare queste zone aiuta le api a trovare luoghi di nidificazione.
  • Educazione e consapevolezza: Coinvolgere agricoltori e apicoltori in azioni comuni per la salvaguardia e conservazione delle api.
  • Supporto agli apicoltori: le istituzioni devono aiutare gli apicoltori attraverso politiche di sostegno e incentivi, garantendo un ambiente favorevole alla loro attività. Ad esempio attraverso sovvenzioni per l’acquisto di attrezzature oppure attraverso la creazione di spazi protetti.
  • Monitoraggio e ricerca: il monitoraggio regolare sulle popolazioni di api permette di comprendere meglio le cause della loro diminuzione e allo stesso tempo, di sviluppare soluzioni efficaci.

Il Protocollo di Intesa tra agricoltura e apicoltura

Per promuovere una collaborazione più stretta tra agricoltori e apicoltori, molte regioni e organizzazioni hanno adottato dei protocolli di intesa. Questi protocolli creano una base per mettere in atto delle misure concrete a vantaggio delle api e dell’ambiente.

Questi accordi implicano:

  • Scambio di conoscenze: Gli agricoltori possono apprendere dalle pratiche degli apicoltori, adottando politiche agricole più sostenibili che tengano conto del benessere delle api.
  • Monitoraggio congiunto: L’apicoltore e l’agricoltore possono monitorare insieme l’andamento delle colonie di api e valutare l’impatto delle pratiche agricole sul loro benessere.
  • Azione coordinata: Unire le forze per implementare tutte quelle pratiche che migliorano la salute delle api, come la creazione di zone fiorite, la riduzione dei pesticidi e la diversificazione delle colture.

L’intero legame tra agricoltura e apicoltura è cruciale per la sopravvivenza delle api e, di conseguenza, per la sicurezza alimentare e la biodiversità. Una collaborazione più stretta è fondamentale e iniziative come i Protocolli di Intesa sono un modo per coordinare gli sforzi e contribuire a un futuro sostenibile per tutti.

Ed ecco perché è importante divulgare e far conoscere le tante possibilità che abbiamo per aiutare le nostre amiche api.

Apinfiore per la api



Fidati di chi ci ha già provato!

Scopri le recensioni dei nostri clienti

Spedizioni

Tutti gli ordini vengono spediti generalmente entro 24/48 ore.
La consegna è gratuita in Italia per gli ordini di importo pari o superiore a 45 €.

Modalità di pagamento

Paga con PayPal, Carta di Credito, Bonifico Bancario o Contrassegno con la massima sicurezza.

Pagamento rateale

Con Klarna puoi suddividere la tua spesa in 3 rate, senza costi aggiuntivi ne interessi.

Assistenza

Siamo sempre raggiungibili per email, telefono e WhatsApp per ogni domanda pre e post vendita.

Carrello